Novembre 26, 2021

Conosciamo finalmente l’identità di 'Baby Louie', l’embrione di dinosauro da un uovo gigante

Oltre 20 anni fa, un fossile unico è stato portato alla luce nella provincia cinese di Henan: un embrione di dinosauro circondato da un nido di uova. Da allora, la piccola creatura pietrificata ha viaggiato in tutto il mondo e si è persino guadagnata l’affettuoso soprannome di “Baby Louie”. Ma una grande domanda è rimasta per tutto questo tempo – chi erano i genitori di Louie?

Le uova nel nido di Louie sono enormi. A oltre 40 centimetri (16in) di lunghezza e del peso di cinque chilogrammi (11 libbre), sono alcune delle più grandi uova di dinosauro mai scoperte. Ma proprio come le antiche trackways, può essere molto difficile collegare le uova preistoriche con le specie che le hanno prodotte. Ora, un team internazionale di ricercatori ha incrinato una parte dell’enigma.

“Per molti anni, è stato un mistero su quale tipo di dinosauro abbia deposto queste enormi uova e nidi”, dice Darla Zelenitsky dell’Università di Calgary. “Grazie a questo fossile, ora sappiamo che queste uova sono state deposte da un gigantesco oviraptorosauro, un dinosauro che avrebbe assomigliato molto a un casuario invaso.”

Baby_Louie_Dinosaur_Egg_Illustration_2017_05_09.jpg

Baby Louie è stato trovato al di fuori di un uovo, probabilmente costretto fuori poco prima della schiusa. Questa illustrazione mostra anche come si sarebbe rannicchiata all’interno mentre si sviluppava. Immagine: Zhao Chuang

Baby Louie ha finalmente un nome specifico: Beibeilong sinensis, o”baby dragon dalla Cina”. Il fossile è di soli 38 centimetri (15in) dal muso alla parte posteriore (manca la coda, insieme a parti delle zampe), ma in base alle dimensioni delle uova, i ricercatori sospettano che i genitori avrebbero raggiunto dimensioni simili al famoso Gigantoraptor: otto metri (26ft) di lunghezza e del peso di almeno un paio di tonnellate! Gli adulti di Beibeilong sarebbero stati alcuni dei più grandi dinosauri a due zampe in giro in Cina 90 milioni di anni fa.

Gli oviraptorosauri erano bipedi e ricoperti di piume, con bocche dal becco sdentato e spesso vistose creste sulla testa – il confronto con un casuario è abbastanza accurato. Ma Beibeilong e Gigantoraptor sono strane anatre (per così dire), poiché i membri più noti di questo gruppo hanno le dimensioni di un Velociraptor.

Tuttavia, la nostra immagine della diversità di questi dinosauri potrebbe mancare. Uova giganti proprio come quelle di Baby Louie sono state trovate in diversi paesi in Asia e Nord America, indicando che Beibeilong e i colossi piumosi strettamente correlati erano molto più diffusi di quanto implichi la loro documentazione fossile.

 Baby_Louie_Dinosaur_Fossil_2017_05_09.jpg

Il fossile di Baby Louie l’embrione Beibeilong seduto tra il suo nido di uova, che sono di colore grigio scuro. Immagine: Darla Zelenitsky.

L’identificazione di Baby Louie coincide anche con il suo ritorno a casa. Dopo la scoperta del fossile nei primi anni 1990, il piccolo dino e il suo nido di uova, come tanti altri, sono stati venduti a collezionisti privati negli Stati Uniti. Ci sono volute circa 700 ore di meticoloso scavo dalle rocce incassanti, ma le uova e l’embrione sono stati finalmente rivelati (e descritti in un articolo del National Geographic del 1996). Nel 2001, il fossile ha fatto la sua strada al Museo dei bambini di Indianapolis per andare in mostra.

Ma sebbene i paleontologi desiderassero studiare Baby Louie da vicino, le questioni legali ostacolarono la ricerca per decenni – questo dinosauro non avrebbe mai dovuto essere rimosso dal suo paese d’origine.

“Le uova e l’embrione hanno guadagnato fama mondiale”, dice Phil Currie dell’Università di Alberta, “ma è stato impossibile descriverli in una rivista scientifica – e nominare la nuova specie – fino a quando i fossili non sono stati rimpatriati in Cina.”Ora Louie è tornato a casa nella provincia di Henan, nel Museo Geologico Henan.

Identificare un nuovo dinosauro è sempre eccitante, ma potrebbe essere necessario trovare Beibeilong adulto prima di poter dire molto di più su questa specie. “Embrioni, giovani e piccoli non sono noti o poco conosciuti”, dice Steve Jasinski dell’Università della Pennsylvania, che non è stato coinvolto in questa ricerca. “È difficile confrontare i bambini di una specie con gli adulti di un’altra.”

Mentre Jasinski concorda sul fatto che Beibeilong sembra essere un oviraptorosauro, pensa che potrebbero esserci sorprese in serbo. “Penso che la diagnosi e la definizione della specie cambieranno quando viene trovato un adulto.”

Fino ad allora, c’è un’altra cosa che sappiamo di questa specie: le sue abitudini di nidificazione.

 Beibeilong_Dinosaur_Art_2017_05_09.jpg

Ricostruzione dell’artista di Beibeilong adulto, incubando le sue uova giganti sotto il suo caldo corpo piumato. Immagine: Zhao Chunag

Baby Louie è stato fossilizzato insieme a più di una mezza dozzina di altre uova, ma sulla base di altri nidi di questo tipo di uovo, i ricercatori deducono che la frizione completa avrebbe incluso oltre 20 uova disposte in anelli concentrici fino a tre metri (10 piedi) di diametro.

Sulla base di altri fossili, sappiamo che gli oviraptorosauri più piccoli sedevano al centro dei loro anelli di nido, coprendo le uova con i loro corpi piumati proprio come fanno gli uccelli cova oggi.

Data la sua simile struttura del nido, Beibeilong potrebbe essere stato tra i più grandi covatori del mondo? Zelenitsky la pensa così. “Sarebbe stato uno spettacolo da vedere con un animale di tre tonnellate come questo seduto sul suo nido di uova.”

Il nuovo studio su Beibeilong è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications da un team di ricercatori provenienti da Cina, Canada, Slovacchia e Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.