Novembre 21, 2021

Un Natale ateo: ‘Puoi fare il Natale anche se non fai dio’

“BEH, SE QUESTO È il tuo atteggiamento”, disse mia madre, ” Puoi uscire da questa casa.”

Mio padre sembrava costernato, ma la porta d’ingresso si chiuse dietro di me e mi sono trovato sul vialetto scuro a circa 11pm la vigilia di Natale, vestito con il mio maglione festivo e nessun cappotto di merda.

Faceva freddo ma non pioveva mentre rimasi sconcertato dalla rapidità e dall’ingiustizia di tutto ciò. Se avessi saputo che dire che non stavo andando a messa di mezzanotte stava per portare ad una più completa esposizione della mia incredulità – e le sue conseguenze – avrei potuto mantenere sthum.

Non ancora ateo

Non riesco a ricordare se mi sono definito ateo allora, penso che quella parola fosse nel mio futuro. Ma il mio disprezzo per la religione era più che una buona madre irlandese potrebbe sopportare. Che, però, è il senno di poi parlando – ero come sanguinosa mente come lei; troppo simili hanno sempre detto.

Ho vagato per le strade, viaggiando da ribollente a autocommiserazione fino a quasi 1am quando mio padre mi ha trovato (dopo che erano stati tutti a messa) e mi ha portato a casa. Ingiunto al silenzio ho mangiato gli involtini di salsiccia e salmone affumicato nel seno della mia famiglia e sotto il bagliore ardente di Mam. Una pace inquieta.

Il tempo cambia tutto

Era più di 30 anni fa e gli anni ci hanno cambiato tutti. Mia madre è morta improvvisamente proprio mentre stavamo per raggiungere la distensione. Ah bene. La mia famiglia e io, il mio longanime (cattolico romano) coniuge e due figli, cresciuti se stessi ora, tutti fanno il Natale a casa di mio padre, per la società e il craic.

Della famiglia allargata solo mia moglie e mio padre vanno più a messa, e la “coppia raccapricciante”, come i miei due sono chiamati, sono atei pure. La stessa porta d’ingresso sbatte sullo stesso vialetto mentre si dirigono verso la chiesa e l’uno o l’altro chiamerà, con la lingua in guancia, “Accenderemo una candela per voi, avrete bisogno di tutto l’aiuto che potete ottenere.”

Più tardi, potrei avere un po ‘di scorie per le mie opinioni ereditate dalla madre e un po’ incisive, ma mentre cucino tutta la cucina per questa grande festa di famiglia, che segna il passaggio dell’anno dalle tenebre alla luce, ricorderò loro che schiero anche il cucchiaio di legno e il vino.

In realtà si tratta solo di famiglia

L’ironia è che si trattava sempre di famiglia, e la messa di mezzanotte era solo un rito stagionale per segnare il passaggio liminale nella giornata. Potremmo anche aver visto il discorso della Regina per tutte le sue conseguenze (che non è mai successo tra l’altro).

E così il giorno passa in una sfocatura di cibo e calore, di bevanda e appagamento. La religiosità è rilevante quanto le sue origini come una festa del solstizio d’inverno. È rilevante quanto sapere che giovedì è chiamato per Thor o venerdì per Freya.

Per tutti noi, l’ateo pensieroso, l’irreligiosamente irreligioso, l’ancora attento, lo scopo del giorno è la famiglia. È il caso che uno di noi molto probabilmente non sarà qui l’anno prossimo.

Quindi perché discutere dell’irrilevante quando c’è tempo prezioso che viene esaurito?

Ray Leonard è andato in pensione 2 anni fa dopo un viaggio bizzarro e peripatetico attraverso le forze dell’ordine irlandesi (Revenue, CAB, Ansbacher, Competition Authority e GSOC). Ora dedicato a a iconoclastia querulous, raggiungere divinità domestica e rendendo la vita un po ” più facile per la LW dopo i suoi anni di tolleranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.